martedì 15 dicembre 2009

L'apparecchio

"V'arda bimbo, passa l'apparecchio!!!"
e via tutti 'or naso all'aria a guardà vell'uccello 'é passava e faceva un casino che a' bimbetti se'ondo 'ome 'ni veniva anco da piange tant'era la strizza!!

bè tempi guà, che la mi' nonna (com'ar solito, dartronde vent'anni fà un c'era mi'a le bèbisitté, c'eran le nonne, vando mamma era allavorà!!) mi 'hiamava perché passava l'arioplani, e io 'n avéppaura li 'uardavo volentieri e dimorto maravilliato che facevano 'n trambusto pareva cascasse d'ugni 'osa! ma quello che proprio 'un capivo era perché mi stava sempre a dì che passava l'apparecchio, o un si 'hiamava arioplano, perlappunto?? e sopratutto o l'apparecchio un'era vell'affare che c'aveva 'n bocca la mi'ugina, fatto 'on tutti i ferri e che se se lo metteva, 'vando parlava un ci 'apivi nulla?

mah, era proprio un ber mistero và, mi faceva sbudellà, mi ri'ordo, sempre a dì che passava l'apparecchio! Ma n'dove??? o ti pare n'apparecchio 'vello là?! nono, era proprio 'n arioplano!!!


(pucc)

3 commenti:

  1. secondo me ci sono numerosi errori nella scrittura vernaola!

    RispondiElimina
  2. mi dispiace...è un 4!!!

    RispondiElimina